Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DAGRI Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari Ambientali e Forestali

Descrizione

Molte esperienze sono state condotte in passato per analizzare le produttività e le possibilità d’impiego dei trattori con verricello, in relazione alla pendenza del terreno ed alla densità dei soprassuoli e i dati a disposizione forniranno un utile strumento di confronto tra attrezzature moderne e tradizionali.

Nell’ambito del progetto le indagini saranno articolate su analisi di breve e di medio-lungo periodo. Nel medio-lungo periodo l’indagine mira a valutare la risposta dei soprassuoli e dei suoli alla perturbazione: impatto sulla rinnovazione e impatto sulle caratteristiche fisico-chimiche dei suoli. Nel breve periodo si vogliono analizzare gli impatti sul suolo in condizioni di impatto “minimo” (cioè in condizioni controllate, con personale formato e con pianificazione delle operazioni) e di impatto “realistico” (ciò che realmente accade nei normali lavori di utilizzazione operati da ditte private). Le indagini sugli impatti sul suolo nel breve periodo, inoltre, saranno svolte sia con metodi tradizionali che con metodologie innovative, cioè sviluppando modelli 3D della superficie del suolo. Con tale approccio il progetto SKIDDFORW avrà come risultato secondario la sperimentazione e la validazione di questi metodi innovativi che, in potenza, potrebbero rivelarsi efficaci e speditivi rispetto a quelli tradizionali.

 

Il progetto è stato diviso in sotto-obiettivi:

 

Sotto-obiettivo 1 - Il primo sotto-obiettivo del progetto consisterà nell’effettuare una ricerca degli studi disponibili in bibliografia sul confronto degli impatti su suolo e soprassuolo tra attrezzature moderne e tradizionali. Verranno inoltre effettuate una serie di indagini mirate a valutare i lavori di utilizzazione forestale ed in particolare le operazioni di esbosco effettuate in passato con forwarder e skidder. Le valutazioni saranno condotte in aree boscate riconducibili alla prima classe di pendenza (0-20%) delle provincie di Pisa, Grosseto e Firenze dove l’impiego di questi macchinari è stato relativamente diffuso grazie alla semplice morfologia del territorio, alla presenza di adeguate superfici forestali da utilizzare e agli importanti investimenti delle imprese locali.

L’intento è di verificare gli impatti occorsi nelle stazioni delle passate utilizzazioni in termini di danni visibili al soprassuolo restante in piedi, di presenza/assenza di rinnovazione e di impatti sul suolo. Le valutazioni ed i confronti saranno effettuati considerando anche analoghi lavori di concentramento ed esbosco del legname eseguiti con macchine tradizionali come il trattore ed il verricello.

 

Sotto-obiettivo 2 - Il secondo sotto-obiettivo del progetto sarà quello di valutare i principali danni al suolo (compattamento, formazione di solcature ed erosione superficiale) nel breve termine causati dal passaggio ripetuto di macchinari forestali. Tale valutazione sarà effettuata sia utilizzando metodi tradizionali che metodi innovativi. In particolare questi ultimi riguarderanno la determinazione delle dimensioni dei solchi prodotti dai macchinari forestali, in termini di profondità, avvallamenti e volumi di terreno “smosso”, tramite lo sviluppo di modelli 3D della superficie del suolo derivati da fotogrammetria, laser scanner portatile e drone. 


Sotto-obiettivo 3 -
Il terzo sotto-obiettivo del progetto prevede la definizione di buone pratiche per l’esecuzione delle operazioni di esbosco del legname, dalla pianificazione ed organizzazione dei lavori, alla scelta delle macchine più idonee e del sistema di lavoro meno impattante. Il prodotto atteso consiste in una serie di linee guida volte ad aiutare gli operatori del settore forestale nelle varie scelte operative partendo da un’attenta valutazione delle caratteristiche della stazione, del tipo di intervento e delle infrastrutture e attrezzature disponibili. Lo strumento potrà integrare le leggi forestali regionali e i relativi regolamenti d’attuazione. L’intero progetto sarà contraddistinto dall’obiettivo generale di permettere una ampia disseminazione dei risultati, che si articolerà in varie forme durante tutte le sue fasi.

 
ultimo aggiornamento: 24-Lug-2019
Unifi Home Page DAGRI

Inizio pagina