Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DAGRI Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari Ambientali e Forestali

NOVOLITO

PROGETTO SOTTOMISURA 16.2 PSR 2014-2020 della Regione Toscana - PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA – PIF

Acronimo:

NOVOLITO

 

Titolo:

Miglioramento nell’efficienza e sostenibilità della produzione vivaistica, gestione dell’acqua e della chioma degli oliveti toscani

 

Responsabile scientifico:

Francesco Paolo Nicese

 

Abstract

Il progetto NOVOLITO è rivolto al settore olivicolo toscano e si pone come fine ultimo quello di migliorare l’efficienza e la sostenibilità ambientale e economica di tutta la filiera, dalla produzione vivaistica alla gestione degli oliveti.

L’obiettivo è, infatti, quello di trasferire e collaudare moderne tipologie di impianti olivicoli ad alta ed altissima densità, costituiti con varietà autoctone, e la realizzazione di protocolli innovativi di gestione agronomica che prevedono il ricorso a tecniche di olivicoltura di precisione.

 

Risultati attesi

I risultati attesi sono di carattere agronomico, ambientale ed economico. L’uso sostenibile di acqua, suolo, prodotti fitosanitari e fertilizzanti porta, infatti, ad una riduzione dell’impatto ambientale stimabile tramite tecnica LCA, un metodo standardizzato che esamina l’intero ciclo di vita di un processo produttivo valutandone l’effetto sull’ambiente in termini di kg di CO2 equivalente emessi in atmosfera.

Le ricadute economiche riguardano, invece, una riduzione dei costi di gestione, un incremento della redditività degli impianti e la valorizzazione del prodotto finale.

 

I partner

Soggetto responsabile:

  • Azienda Agricola LE SELVE

Soggetti scientifici partecipanti:

  • DAGRI, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari Ambientali e Forestali - DAGRI.world wide web
  • CIRAA - Centro di Ricerche Agro-Ambientali “Enrico Avanzi”, Università di Pisa


Altri soggetti partecipanti:

  • Consorzio Agrario del Tirreno

 

Beneficiari

I principali beneficiari di questo trasferimento tecnologico sono le aziende olivicole collocate in diversi areali del territorio toscano ed attive nel processo di rinnovamento del patrimonio olivicolo regionale. Viste le ricadute sul territorio regionale, la stessa Regione Toscana potrebbe essere indicata tra i beneficiari

 
ultimo aggiornamento: 06-Mag-2020
Unifi Home Page

Inizio pagina